Le colonie feline a Milano: gatti protetti e assistiti

Le colonie feline a Milano: gatti protetti e assistiti

Le colonie feline a Milano: gatti protetti e assistiti

Molti pensano che i gatti randagi siano animali semi-selvatici, in molti casi sporchi e malati, che rovistano tra i rifiuti in cerca di resti di cibo di cui nutrirsi; che siano incustoditi e un po’ in balia degli eventi, senza nessuno che li assista o che si prenda cura di loro.

Niente di più lontano dalla realtà. A Milano ci sono più di 500 colonie feline. Sono composte da gruppi di mici più o meno numerosi, disseminate in  tutte le aree cittadine e accudite da volontari ben organizzati che li assistono instancabilmente.

Protetti da normative nazionali, regionali e comunali, i gatti hanno oggi lo status di animali tutelati a tutti gli effetti con il diritto ad assistenza e cura da parte della ASL Veterinaria. Ad essi è garantita la possibilità di transitare e stazionare dove preferiscono: nessuno può arrogarsi il diritto di spostare un gatto dal luogo in cui è sempre vissuto, sia questo uno spazio pubblico o privato, né può impedire che venga nutrito o curato, se non vuole correre il rischio di compiere un reato: maltrattamenti o uccisioni a danno di gatti randagi sono veri e propri reati penali punibili anche con il carcere.

Qualunque sia il motivo che spinge una persona a non volere gatti nei pressi del proprio condominio o negozio o terreno, i gatti di colonia non devono mai essere spostati dall’habitat originario a meno che il fatto non si renda necessario per una loro tutela o per gravi motivazioni di ordine sanitario.

Riferimenti: Legge Regionale 33/2009, Lotta al randagismo e tutela degli animali d’affezione, art. 111

PER ALTRE INFORMAZIONI CLICCA QUI

Articolo scritto da Redazione PinkItalia

pinkitaliafooter

Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di PINKITALIA  sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. Ulteriori permessi possono essere richiesti contattando  redazionepinkitalia@gmail.com

Pinkitalia.it
Trattamento dati: Paola Guerci.
La firma degli articoli non dà diritto ad alcuna remunerazione, né vincola a qualsiasi rapporto di prestazione giornalistica che non sia espressamente regolamentato da apposito contratto.
I materiali inviati non verranno restituiti.
Alcune delle immagini riprodotte o rielaborate per la pubblicazione sono reperite da internet o comunque da fonte liberamente accessibile e sono considerate di pubblico dominio (l. 41/633 art. 90) salvo diversa indicazione espressa. Qualora la loro presenza su questo sito violasse eventuali diritti d’autore, gli interessati o gli aventi diritto possono comunicare le loro osservazioni in merito alla pubblicazione delle immagini scrivendo a redazione@pinkitalia.it, che valuterà le richieste e l’opportunità di rimuovere le immagini pubblicate nel pieno rispetto delle normative vigenti.
La redazione si riserva la facoltà di modificare, secondo le esigenze e senza alterarne la sostanza, gli scritti a sua disposizione. Le opinioni espresse nei commenti non implicano alcuna responsabilità da parte di Pinkitalia.it

Privacy Policy

Web Developer Fabio Folgori